Descrizione immagine


Sardigna Natzione Indipendentzia


Movimentu pro liberare sa Sardigna

dae su dominadore italianu

Descrizione immagine



NOVAS

Documentos de SNI




Descrizione immagine


PROCESSO QUIRRA   SAREMO PARTE CIVILE


Lige totu

Descrizione immagine

 

MANIFESTADA NATZIONALE CONDIVISA CONTRA A S'OCUPATZIONE MILITARE 


- CAPO FRASCA -
- 13 DE CAPIDANNI -


Lige Totu
Descrizione immagine
Descrizione immagine

Sardigna Natzione Indipendentzia

 

adesione ufficiale al Sit-In indetto

 Sabato 19 Luglio alle ore 10

 per manifestare il dissenso del Popolo Sardo sull'utilizzo del proprio territorio

 quale strumento di aggressione, oppressione e di morte per il Popolo Palestinese.



lige totu


Descrizione immagine

QUIRRA – A PROCESSO I MILITARI E LO STATO - TUTTI I SARDI PARTE CIVILE

 

Pubblicato da Bustianu Cumpostu  11 luglio 2014 alle ore 20.29

COMUNICATO  STAMPA

 

Lige totu

 

Descrizione immagine

 

10/07/2014

 

LA CONTRORIFORMA RENZI

CON IL NUOVO TITOLO V FUSIONE FORZATA PER LA SARDEGNA

 de Bustianu Cumpostu

 

Adesso è certo la Riforma Renzi, per le autonomie è una Controriforma.  Tutto deve andare verso il centralismo e qualsiasi specificità, Autonomia o specialità deve essere cancellata.  (...)

 

Lige totu

 

Descrizione immagine


07/06/2014

NON PERMETTEREMO CHE LA SARDEGNA

SIA LA MURUROA DEL MEDITERRANEO

 (...)

de Bustianu Cumpostu

lige totu





-----------------------------------------------


Descrizione immagine

COMITADU      DE  BARDIANIA NATZIONALE

 

ALLA GENTE DI SARDEGNA E NON, AI PARTITI, MOVIMENTI, COMITATI,  SINDACATI, A TUTTI QUELLI CHE HANNO A CUORE , LA GENTE ED IL TERRITORIO DELLA SARDEGNA COMUNICHIAMO CHE:

 

COSTITUIDU IN ARBOREA IN DOMO DE SA SIENDA SPANU SU "COMITADU DE BARDIANIA NATZIONALE" CHI COMENTE PRIMU ATU AT OCUPADU SA SIENDA SPANU E NE ASSICURAT SA BARDIANIA A TURNU - SU COMITADU EST FORMADU DAE TOTU SOS SARDOS CHI ADERINT E DAE SOS NON SARDOS CHI LU CHERENT SUSTENDERE.
Est istadu istituidu unu sistema de mobilitatzione via sms centralizada e isparta in su territoriu tramite referentes territoriales.
BI AT URGENTZIA E EST UNU PROBLEMA NATZIONALE CHI DEPET SUPERARE SAS DIFERENTZIAS TRA ORGANIZATZIONES SARDAS E FAGHERE FORTZA COMENTE GENTE DE SA MATESSI NATZIONE.
GENTE SARDA IMBIADE S'ADESIONE E SA DISPONIBILIDADE VIA EMAIL a

bardiania@tiscali.it o unu sms a 3487815084. 3496107688, 3317999788.

 

“Costituito ad Arborea a casa dell'azienda Spanu il "Comitato di Bardiania Natzionale" che come primo atto ha occupato l'azienda spanu e ne assicura il controllo a turno. Il comitato è formato da tutti i sardi che aderiscono e da tutti, anche non sardi che desiderano sostenerlo. E' stato istituito un sistema di mobilitazione via sms centralizzato e diffuso tramite referenti
territoriali:
C'è un'urgenza è un problema Nationale che deve superare le differenze tra organizzazioni e fare forza come genti di una stessa Natzione:
Gente sarda e non, inviate l'adesione e la disponibilità via mail:
bardiania@tiscali.it o un sms a 3487815084,  3496107688, 3317999788”

Setzis totu cumbidados a aderire e dare sa disponibilidade, est unu comitadu meda simile a su comitadu sinonucle chi at bintu sa batalla contra a su nucleare:

CONDIVISIONI DI BASE PER L’ADESIONE

1)      Il COMITADU DE BARDIANIA NATZIONALE ha il diritto di difendere la gente ed il territorio della Sardegna da qualsiasi danno al territorio, alla gente, alle comunità, alle aziende,alle persone, derivanti da qualsiasi tipo di azione che” a giudizio del comitato”  possa loro nuocere negli interessi personali o collettivi o che, sempre a giudizio del comitato, leda i diritti di sovranità del popolo. 

2)      Il popolo sardo ha il diritto di decidere sulle questioni che riguardano il proprio territorio ed il proprio futuro. 

 

ORGANIZZAZIONE DEL COMITATO

1)      Il Comitato nazionale è costituito dall’assemblea generale degli aderenti al comitato, è l’unico organismo che ha potere decisionale, ogni presente ha un voto, delibera a maggioranza dei presenti, non sono ammesse deleghe.

2)      L’esecutivo è affidato ad un COMITATO ESECUTIVO composto da volontari delegati dall’assemblea nazionale, non ha potere decisionale e le sue riunioni sono aperte.

3)      Il coordinamento è affidato ad un COORDINAMENTO, costituito da uno o più portavoce e nove coordinatori provinciali compresa l’emigrazione.

4)      Si aderisce al comitato in quanto gente di Sardegna, i non sardi ne possono essere sostenitori.

5)      Le organizzazioni politiche, culturali, sociali, sindacali, di categoria possono far parte del comitato ma solo tramite i propri iscritti che vi hanno aderito.

6)      L’unica bandiera ammessa è la bandiera nazionale sarda dei 4 mori, bendati o non.

 

 

TUTTI QUESTI PUNTI VERRANNO MESSI IN CONDIVISIONE NELLA PRIMA ASSEMBLEA NAZIONALE, POTRANNO ESSERE MODIFICATI E INTEGRATI.

 

Il coordinamento provvisorio                                    Lo scrivente ( Bustianu Cumpostu)

3487815084, 3496107688, 3317999788

Email bardiania@tiscali.it

Descrizione immagine

 

SARDEGNA 1 - E’ UN BENE DA TUTELARE

LA PROPRIETA' SIA SARDA E COLLETTIVA

 Le televisioni ed i giornali sardi sono come una parte del territorio sardo, sono beni da tutelare. Sono essi che raccontano la nostra storia quotidiana e almeno nell’informazione uniscono la natzione. Anche se sottoposti a vincoli da parte delle proprietà e delle linee editoriali essi sono un bene fondamentale del nostro popolo, sono lavagne nelle quali, pur nei suddetti limiti, i sardi collettivizzano il loro vivere, come individui, come collettività locali e come collettività nazionale.

 

Sono beni da tutelare il cui valore non è determinato dalle proprietà o dalle linee editoriali ma principalmente dai giornalisti e da tutti i lavoratori che scrivono e parlano di noi sulla nostra lavagna nazionale. Sono i giornalisti e tutti i lavoratori che, non solo, con grande impegno e con tempi strettissimi assicurano ai sardi il diritto all’informazione, ma sono anche i primi a pagare a caro prezzo le crisi finanziarie e/o gestionali degli organi d’informazione, così come sta avvenendo per Sardegna 1 TV e non solo.

 

Certa e determinata la SOLIDARIETA’  di SNI verso i lavoratori di Sardegna 1 e altrettanto determinata la condanna dell’attività gestionale che ha portato la seconda televisione sarda a uno stato di crisi che non è certamente da risolvere con i licenziamenti ma con un netto cambio di rotta gestionale e proprietario, che SNI ritiene debba essere collettivo e affidato all’azionariato diffuso in concorrenza entità economiche, e anche culturali, sarde.

 

Un accorgimento indispensabile; Venga tolto dal desktop quell’uno tricolore, voluto dal totale sradicamento identitario della proprietà,  e venga sostituito con qualcosa di più rappresentativo della collettività che risiede nel territorio natzionale e in su disterru, magari con un semplice 4 mori.

Descrizione immagine


DUOS TERMINETOR IN SARDIGNA – prima BERLUSCA IMBOLIGOSU a pustis RENTZEDDU BARROSU, A CHIE SU VOTU SUITZIDA?

Sos duos terminetor de sa democratzia eletorale sunt benende in Colònia pro dare una manu a sos ammasedadores locales de sas gamas de sardos cramados a si faghere murghere su votu in nd'una mandra o in s'àtera, ambas angenas e tricolores.

Totu ischint chi sos duos terminetor de sa democratzia eletorale ant preparadu una lege chin sa cale si benas totu sos sardos diant votare a un'ùnicu partidu non diant elègere perunu deputadu lìberu. Ne in su parlamentu europeu ne in cussu de s'istadu italianu sa Sardigna podet essere rapresentada dae sardos LIBEROS ma solu dae sardos LIBERTOS, sardos intzerachidos a su sistema polìticu italianu. A chie de custos su VOTU SUITZIDA? Chie de sos sardos lìberos at a arrodare sa istrale de sos terminetor italianos pro che segare sa Sardigna dae su mundu? Chie at a acurtziare e ponnere paris sas banderas sardas suas a sas banderas italianas de sos terminetor e lis at a faghere cocodatzu?

Ant a podere sos sardos pellitas agiuare sos romanos, o so arborensos agiuare sos aragonesos, o sos angioianos agiuare sos piemontesos?. Nois pensamus de no!

Image description

BOMBA GOLD MINING - TOTU COMPLICES DE SOS BARDANERIS - VIDEO DOCUMENTU - COMENTE SI FAGHET A LOS VOTARE

27 gennaio 2014 alle ore 18.04

http://www.sardegnadigitallibrary.it/index.php?xsl=626&id=202257

Comente si faghet a votare su sitema chi at fatu festa chin sos bardaneris chi ant disrobadu, toscadu e ammaloradu sa terra nostra e de figios nostros, dongi votu datu a su sistema italianu est un'atera bardana chi setzis favorende.

Datze un'ocrada a custu video, chi apo picadu dae unun posto de Mario Carboni, e cumprendides chi non bi at mai apidu bonos o malos pro Sardigna.


IN FURTEI -  NEL 2000 CONTRA BARDANA SNI A SA SOLA E OSCURADA DAE S'ISTAMPA

 

Sa bomba ambientale de Furtei est galu innescada e podet iscopiare dae unu mamentu a s'ateru e agiunghere disastro a sos chi at già fatu. Totu oje sunt preocupados de custa cosa, gai non fit in su 2000 cando SNI s'est abigiade de su periculu e at cramadu sa gente a si mobilitare. Sa die 20 de maju 2000 amus fatu unu sit-in in Furtei e da innanti a sos cantzellos de sa Gold Mining, non solu sa tzente no at partecipadu e carcunu nos at puru minetzadu ma semus istados oscurados dae s'istampa, TOTU FUNT IMPANNADOS DAE SU LUCORE DE SOS LINGOTOS DE ORO, TOTU S'INTENDIANT GUARDIAS DE S'ASCUSORGIU DE ZIO PAPERONE.

Bos publico su testu de su volantinu e de sa litera imbiada a s'istampa cumbidandela a dare sa nova.

 

VOLANTINU

 

A CHI DEVONO APPARTENERE IL TERRITORIO E L’ORO DELLA SARDEGNA? 

 

Colonizzatori di ogni tipo, razza e religione prediligono da sempre l’uso della forza per imporre i propri interessi a danno delle popolazioni della terra, spesso giustificando tale uso con argomenti pretestuosi, che dovrebbero servire a tacitare i concorrenti ed a acquietare le coscienze dei complici prezzolati che si trovano all’interno delle popolazioni stesse.

Tale cinico comportamento, adottato anche dall’ex–ministro italiano Ronchi per far valere i discutibili punti di vista suoi (e dei suoi sostenitori), è stato arrogantemente riproposto dai dirigenti della Sardinia Gold Mining, società australiana, che dalla propria origine anglosassone ha ereditato la tracotanza coloniale ma non la civiltà. 

La coltivazione dei giacimenti auriferi di Santu Miali a Furtei ne è stato il primo esempio. Ma costoro, non contenti, vogliono rapinare le risorse del nostro sottosuolo anche in tutto il resto della Sardegna.

Ormai anche i più miopi amministratori hanno capito che Furtei è una miniera d’oro solo per pochi eletti, mentre rappresenta un danno gravissimo, senza alcun ritorno economico, per tutta la Sardegna.

Tutto ciò è potuto avvenire perché interessi privati e/o partitici hanno prevalso sul diritto dei Sardi a governare il proprio territorio.

Non è più tempo di indugi. Ora basta! Questa gente straniera, che alterna lusinghe e promesse alle provocazioni, deve andarsene. Non li vogliamo in Sardegna, a fora dae domo nostra!

Ma non prima di aver ripristinato, a loro spese, l’ambiente irrimediabilmente deturpato ed alterato ed essersi portati a casa, oltre l’oro già rubato, anche le scorie residue, al cianuro, delle lavorazioni estrattive.

Mobilitiamoci, perché la nostra disponibilità non sembri acquiescenza e la nostra ospitalità (tanto decantata ad arte), non divenga sottomissione.

 

PER IL DIRITTO AD AUTOGOVERNARCI, PER LA DIFESA DEI NOSTRI INTERESSI, PER CACCIARE NEMICI E SFRUTTATORI DEL POPOLO SARDO, SARDIGNA NATZIONE INVITA TUTTI I CITTADINI A MOBILITARSI ED INSORGERE COMPATTI. FORTZA PARIS!